Home » Ministero della Salute su Umidità e Muffe

ministero-salute-umidità-e-muffe

Ministero della Salute su Umidità e Muffe

umidità e muffe
Ingrandimento di tipiche muffe verdi da appartamento

Il Ministero della Salute pubblica un opuscolo su Umidità e Muffe, sul loro effetto sulla salute e le direttive sul loro trattamento e prevenzione.

Scarica l’opuscolo Umidità e Muffe del Ministero della Salute direttamente dal sito del Ministero o cliccando qui.

In questo articolo riportiamo il testo integrale dell’opuscolo del ministero (in corsivo) e i nostri commenti.

ministero-salute-umidità-e-muffe


Direzione generale della prevenzione sanitaria

Direzione generale della comunicazione
e dei rapporti europei e internazionali

Umidità e Muffe

Che cosa sono le muffe

Uno dei problemi più fastidiosi e dannosi per il comfort abitativo è quello legato all’ umidità.

La presenza di acqua nelle murature può provocare inconvenienti come la diminuzione del comfort termico, il degrado dei materiali a causa di reazioni chimiche distruttive e la comparsa di muffe.

Le muffe sono funghi microscopici che durante la loro crescita producono particelle di forma sferica di piccole dimensioni (spore) che si disperdono nell’aria principalmente in estate e in autunno.

Possono crescere sia all’interno che all’esterno delle abitazioni.

All’interno si trovano soprattutto dove è presente umidità in eccesso e scarsa ventilazione e tendono a svilupparsi più rapidamente con un clima caldo umido, come in estate e in luoghi poco illuminati, su oggetti e materiali umidi, in umidificatori o sistemi di condizionamento d’aria, non sottoposti a regolare pulizia e manutenzione.

Effetti sulla salute

E’ dimostrato che l’esposizione alle muffe e/o umidità domestica si associa alla maggiore prevalenza di sintomi respiratori, asma e danni funzionali respiratori.

In particolare, per quanto riguarda la salute dei bambini, i risultati complessivi di studi trasversali su bambini di 6-12 anni hanno confermato la relazione positiva tra la muffa visibile (riportata dai conviventi) e la tosse notturna e diurna dei bambini e, nelle famiglie più affollate, la relazione con asma e sensibilizzazione ad allergeni inalanti.

Misure per ridurre l’esposizione

  • Assicurarsi che i muri esterni, le fondamenta, i sottotetti e l’attico siano isolati e ben ventilati
  • Cercare di mantenere all’interno dell’abitazione un’umidità inferiore al 50%
  • Assicurarsi che non vi sia terra o altro materiale che possa drenare l’umidità a diretto contatto con i muri della casa
  • Non usare tappeti o moquette in zone con alta umidità come bagno, cucina, lavanderia
  • Non lasciare i vestiti stesi ad asciugare per molto tempo in ambienti chiusi poco ventilati
  • Cercare di eliminare fenomeni di condensa che spesso sono causa di umidità; in presenza di condense è consigliabile aerare frequentemente l’ambiente
  • Eliminare le macchie di muffa con tinture speciali antimuffa a base di acqua
  • Assicurare la corretta manutenzione di umidificatori e condizionatori e del sistema di ventilazione meccanica, in particolare delle bocchette esterne e dei filtri
  • Pulire regolarmente le guarnizioni dei frigoriferi; vuotare e pulire frequentemente le vaschette dell’acqua nei frigoriferi autosbrinanti
  • Lavare regolarmente le tende della doccia, il lavandino, la vasca e le pareti di bagno e cucina con candeggina
  • Limitare il numero delle piante ornamentali (le muffe possono essere aerodisperse quando le piante sono reinvasate, spostate o annaffiate, e comunque aumentano l’umidità ambientale)
  • I depuratori di aria muniti di filtri adeguati possono essere efficaci nel rimuovere le spore fungine.

Normativa

Decreto Ministeriale del 26/6/2015 che impone il calcolo in base alla norma UNI EN ISO 13788.

Accordo del 27 settembre 2001, recante “Linee di indirizzo per la tutela e la promozione della salute negli ambienti confinati” (G.U. del 27 novembre 2001, n. 276 S.G., S.O. n. 252)

Accordo Stato Regioni del 18 novembre 2010, recante “Linee di indirizzo per la prevenzione nelle scuole dei fattori di rischio indoor per allergie ed asma” (GU del 13 gennaio 2011, n. 9 SG).

WHO guidelines for indoor air quality: dampness and mould, 2009

© Ministero della Salute


Commenti Sull’Opuscolo Umidità e Muffe del Ministero della Salute

  • Il Ministero della Salute afferma forse per la prima volta che è dimostrato che muffe e/o umidità domestica sono connessi a malattie respiratorie.
  • Abbiamo una affermazione chiara di quanto deve essere l’umidità in casa per avere un clima corretto. (inferiore al 50%). Che smentisce i siti di casalinghe, “green” e “edilizia improvvisata” che parlano di 80% a 20°
  • La formazione di umidità e condensa è legata all’aereazione dei locali.
  • Cita la relazione tra muffa e pulizia, dove si può formare umidità e muffe incluso le piante e aggiungiamo: gli umani e gli animali!
  • Dice di eliminare le macchie di muffa con tinture speciali a base di acqua, e di usare la candeggina per pulire il bagno. Infatti la candeggina sui muri non funziona.
  • Assicurarsi che i muri esterni, le fondamenta ecc siano liberi da infiltrazioni o contatti con la terra.

E nell’ultimo consiglio hanno detto tutto.

In una frase ci sta un libro di chiarimenti.

Infatti se la tua casa soffre di umidità di risalita cosa fai?

O se hai un seminterrato umido o uno scantinato con pareti controterra?

O infiltrazioni dall’esterno quando piove?

Chiami un “esperto” che nove volte su dieci da un’occhiata e poi dice la sua senza nessun rilievo o studio.

Se ne chiami dieci ognuno dice una cosa diversa.

Consigli o lavori inutili per umidità e muffe.

Alcuni dei metodi più classici per non risolvere la muffa.

  • Bella parete di cartongesso davanti al muro umido/freddo.
  • Non funziona? Usiamo quello antimuffa-antiumidità.
  • Ci mettiamo un pannello di polistirolo sul muro o col cartongesso.
  • Passata di candeggina e poi la pittura lavabile “traspirante antimuffa”
  • Fori nei muri per “far passare l’aria” – o fori nelle contropareti ecc.
  • “Devi aprire le finestre”
  • Rifacciamo tutto l’intonaco col XXX (prodotto famoso intonaco traspirante)

Tutti questi sistemi non funzionano perché sono frutto di “sentito dire” senza studiare e scoprire che cosa fa formare la muffa in casa tua.

  • Un eccesso di umidità ambientale?
  • Scarsa Aerazione?
  • Muro freddo?
  • Muri umidi? Umidità di risalita?
  • Troppi strati di pitture?
  • Intonaci sbagliati, gesso, materiali non traspiranti?
  • Infissi e muri troppo isolati?
  • Infiltrazioni laterali o dal tetto?
    Eccetera.

Ci sono molti tipi di umidità nelle case che possono creare muffa.

Ci sono 12 tipi di umidità con varie ramificazioni che possono colpire le case.

Bisogna scoprire quali sono presenti in casa tua e non si fa’ con un’occhiata.

Solo dopo aver scoperto la causa si risolvere il problema una volta per tutte.

  1. Il primo errore che fanno gli imbianchini è non disinfestare veramente la muffa, hanno fretta e danno una pulita superficiale prima di ridipingere.
  2. Il secondo è dare pitture sopra troppi strati di pitture, usando fissativi, aggiunta di “trucchi” per farle aderire ecc. Si tratta di pitture coprenti e facili da dare ma non veramente traspiranti.
  3. Il terzo è che non viene trovato e risolto il motivo, la causa della formazione di muffa e quindi “si tira avanti”.

Le pitture “antimuffa” possono essere chiamate così solo perché ci aggiungono qualche sostanza chimica.

Le vere pitture antimuffa sono fatte di materiali inorganico, altamente alcalino e traspirante e quindi sono ostile e velenose per la muffa.


Se hai Umidità e Muffe in casa non continuare con candeggina e spray del supermercato che contengono solo candeggina più forte.

Non continuare coi “rimedi della nonna” sui siti di casalinghe disperate.

Non continuare a chiamare il cugino imbianchino (dilettante).

Vuoi risolvere definitivamente?

Affronta la situazione, investi dei soldi e chiamaci per un sopralluogo senza impegno.

Costi per risolvere umidità e muffe.

Una vera pittura traspirante, minerale e antimuffa costa più cara delle solite del supermercatone.

pittura-antimuffa-silicati
un pittura ai silicati di qualità è inattaccabile da funghi e muffe.

Un vero cappotto interno antimuffa o la ventilazione meccanica controllata costano più che dare una mano di lavabile finto traspirante antimuffa.

Non sempre sono necessarie tutte queste cose.

Richiedi il nostro sopralluogo.  

Spesso basta una vera disinfestazione e una lezione su come arieggiare correttamente i locali e che pitture usare.

Malcomprensioni sull’umidità e la formazione di muffe

Molte persone credono che “arieggiare” significhi aprire la finestra per mezz’ora e congelare i muri.

Molte persone lasciare la casa fredda tutto il giorno e alla sera accendono a manetta una stufa a pellet e pensano che sia “riscaldare”.

Altri usano il deumidificatore tutto il giorno e le finestre aperte tutta l’estate nello scantinato e così via.

In generale tutti credono che il punto o la stanza dove vedono la muffa sia il punto dove “hanno l’umidità” o “il problema”.

Invece la causa della muffa è quasi sempre da un’altra parte.


RICHIEDI UN SOPRALLUOGO O PREVENTIVO SENZA IMPEGNO PER RISOLVERE UMIDITÀ E MUFFE IN CASA.

 

RISPETTIAMO LA TUA PRIVACY: non daremo il tuo contatto a nessuna altra ditta o call center. Lo useremo per rispondere alle tue domande e mandarti le nostre newsletter sull’umidità. Potrai far modificare o cancellare i dati in qualsisi momento semplicemente richiedendolo. Vedi anche link per privacy e cookie policy.