Home » Risanamento Muri Umidi

Categoria: Risanamento Muri Umidi

Restauro e Risanamento Muri Umidi.

Soluzioni efficaci per

  • umidità di risalita,
  • umidità di condensa,
  • muffa sui muri
  • infiltrazioni di umidità e acqua
  • umidità contro terra
  • risanamento scantinati
  • umidità igroscopica (causata dai sali),
  • umidità di condensa
  • restauro e risanamento muri umidi

I 12 tipi dell’umidità nelle case

Quali sono come individuarli per risolverli definitivamente senza buttare soldi in lavori inutili e da rifare continuamente.

Muffa – Come Vincere la Guerra Senza Combattere

maschera antimuffa

La muffa in casa spesso porta ad una battaglia continua a colpi di candeggina e altri rimedi inutili. Per vincere la guerra la prima cosa da fare è conoscere molto bene il nemico e le cose che lo possono favorire. In questo articolo scoprirai tutto quello che devi sapere sulla muffa per arrivare a vincere la guerra senza continuare a combattere.

Continua

Umidità di condensa e muffa 7 cause di cui nessuno parla

Umidità di condensa e muffa hanno varie cause.

In precedenti articoli abbiamo esaminato cause reali e rimedi che funzionano.

Ora parliamo di 7 cause di muffa di cui nessuno parla.

Forse non le conoscono o è che si possono risolvere senza spendere troppi soldi?


7 Frasi famose su umidità di condensa e muffa:

umidità di condensa e muffa su muro freddo
Infestazione di muffa su muro freddo e umido
  • “Hai la muffa perché non apri mai le finestre.”
  • Ci vuole il “rimedio della nonna” o il rimedio naturale.”
  • Serve la candeggina.
  • È “muffa di risalita.”
  • “Hai la muffa perché ci sono ‘i ponti termici’
  • Imbianchino bravo pitura antimufa 100€ a camera. ( Facebook)
  • L’umidità è un mistero, solo la diagnostica da 1500€ degli esperti-della-muffa può darti la soluzione.

Più o meno le avrai sentite tutte.

7 “Soluzioni” famose (e spesso inutili) per la muffa:

A. I leggendari fori nei muri per “arieggiare” (entra solo freddo)
B. Cappotto di cartongesso e/o polistirolo. (le muffe lo adorano)
C. Candeggina e pittura lavabile antimuffa “traspirante” (non esiste)
D. Super-pittura a “micro palline” “purifica l’aria” (costosa e spesso insufficiente)
E. Macchinario unico e non si sa come funziona costa migliaia di euro se firmi subito, sennò di più.
F. Scatoletta “…-dry risolve ogni tipo di umidità e muffa” (fa anche il caffè).
G. Aeratore costa poco ma fa rumore.


Il problema della muffa che si riforma è divisibile in due parti:

1) Non l’hai mai veramente disinfestata, è solo sbiancata
2) La causa dell’umidità di condensa e muffa non è stata trovata e risolta.

Per il punto 1 bisogna usare prodotti e procedure professionali.

Non la candeggina o i “rimedi fai da te” trovati su internet.

Se il muro è umido nessun antimuffa può funzionare.

Al punto 2 “ognuno dice la sua.”

Per trovare la causa bisogna indagare, misurare e conoscere.

C’è gente che da soluziuone senza neanche misurare un muro.

A volte bastano interventi semplici, altre volte lavori costosi.

Spesso c’è più di una cosa da risolvere. Infatti ci sono 12 tipi di cause di umidità.

La buona notizia è che la soluzione alla muffa potrebbe non richiedere grandi spese.

Ad esempio se hai una delle seguenti 7 cause di umidità e muffa probabilmente basta disinfestare bene ed eliminare alcune abitudini.


7 cause di umidità di condensa e muffa di cui nessuno parla

1. La stufa a pellet – può causare umidità di condensa e muffa.

Intendiamo la stufa a pellet o a legna in casa, in soggiorno.

Non le stufe a pellet o biomasse che alimentano un circuito di riscaldamento in un locale separato dalla casa.

Le stufe a pellet generano un forte calore attorno alla stufa.

La temperatura dell’aria davanti alla stufa arriva a più di 30°!

C’è un “bel calduccio” ed eviti di accendere il riscaldamento.

“Si risparmia” e “il caldo va anche nelle altre stanze.”

Peccato che si creino sbalzi enormi di temperatura.

muffa-diagnostica-per-umidità
Muro freddo e con muffa

Sbalzi di temperatura tra una stanza e l’altra, un piano e l’altro, tra un muro e l’altro, formano umidità di condensa e muffa.

Se in soggiorno ci sono 24° e la camera non arriva a 18° è probabile che a nord il muro in angolo arrivi a temperature molto basse.

Specialmente di notte.

Temperature ben al di sotto sotto del punto di rugiada. (La temperatura a cui l’umidità dell’aria inizia a condensare)

  • Le stufe a pellet, legna, etanolo ecc possono creare forti sbalzi termici.
  • Il riscaldamento deve essere omogeneo.
  • Le murature si devono riscaldare.

2. Andare a lavorare causa umidità di condensa e muffa

Ok, non è lavorare che causa la muffa ma lasciare la casa chiusa, al buio e fredda tutto il giorno.

  • Esci di corsa, fuori fa ancora buio, non apri le finestre. Tapperelle abbassate (la muffa adora il buio).
  • In bagno c’è la nebbia.
  • Riscaldamento spento, “tanto a casa non c’è nessuno.”
  • La sera rientri, la casa è ghiacciata, accendi il riscaldamento a manetta per poche ore.

Crei uno shock termico alla casa. L’umidità condensa sui muri gelati.

Specialmente se è una casa di una certa età.

Ambiente ideale per la muffa.

3. L’umidificatore per neonati può causare umidità di condensa e muffa.

A volte la muffa arriva contemporaneamente ad un pargoletto.

I genitori non lo sopportano.

Il bambino non è la causa.

Su consiglio di qualche sito o amica informata i genitori hanno acquistato un “oggetto di design” per umidificare l’aria per il neonato.

Forse l’ha consigliato il pediatra per un principio di raffreddore.

L’umidificatore poi continua ad andare anche se nessuno ha il raffreddore.

E l’umidità in casa è già ideale o quasi.

Hai l’umidificatore ma non un igrometro per sapere:

Termoigrometro da casa
Termoigrometro Domestico.
Piccola stazione per controllare l’umidità ambientale. Misura Umidità Relativa, Temperatura e Punto di Rugiada (condensa).
Registra le medie, minime e massime di tutti tre i valori. Un allarme regolabile segnala il superamento dei limiti di umidità: cioè il momento di arieggiare!

a)Quando serve l’umidificatore?
b) Quando bisogna spegnerlo?

L’umidità così supera il 60% – facilitando umidità di condensa e muffa negli angoli più freddi.

Una camera da letto con 3 persone e un umidificatore per neonato può arrivare al 70-80% di umidità.

Le camere sono famose per avere una “parete fredda”.  O l’armadio attaccato al muro.

Dove si forma umidità di condensa e muffa.

Prima dell’arrivo del piccolo non si era mai formata.

L’angolo freddo c’era anche prima ma l’umidità era inferiore e tu arieggiavi di più.

Chiami l’imbianchino.

“Trattamento” alla candeggina, carta vetrata e “pittura lavabile traspirante” o la “super pittura con palline.”

Oppure chiami una ditta di risanatori dell’umidità. Fanno un sacco di pubblicità. Ti arriva un venditore porta a porta (stile aspirapolveri) che ti fa il discorsetto sulle malattie nei bambini causate dalla muffa.

Ti propone un macchinario. Brevettato. Non si sa come funziona ma risolve tutto.

Costa molto ma se firmi subito costa meno.

Lascia perdere. Comprati un igrometro, arieggia e spegni gli umidificatori quando non servono!

4. Acquario e cani – i migliori amici dell’uomo e della muffa.

Un acquario da 300 litri evapora acqua costantemente. Come l’umidificatore dei neonati.

Gli animali in casa emettono umidità, come gli umani.

In più sono a contatto con il terreno e portano in casa spore di muffa, batteri e sostanze organiche.

Cosa pensi che mangino le muffe?

Sostanze organiche che si trovano nelle pitture non minerali o sul muro.

Sui muri ci sono batteri, caccolette, peluzzi, sporco, pellicine, squamette di pelle, bava, insetti, e stendiamo un velo pietoso. Spesso sono invisibili ma ci sono.

È cibo per le muffe. Mangiano anche il legno o cellulosa (cartongesso).

Se gli animali di famiglia dormono in camera oltre a portare più sostanze organiche, aumentano l’umidità ambientale nella stanza.

Un adulto dormendo emette nell’aria 3 bicchieri d’acqua per notte!

Due adulti, un bimbo e un cane producono un paio di litri abbondanti. Solo dormendo!

Se dormite tutti nella stessa stanza fai i tuoi calcoli.

Dove ci sono animali devi tenere pulito, arieggiare di più e riscaldare correttamente.
Questo da solo potrebbe evitare la formazione di muffa.

5. La cappa della cucina – Masterchef o Master-muffa?

Le cappe aspiranti a “carboni attivi” non espellono all’esterno e l’umidità della cucina rimane in casa!

Accompagnate da infissi termici causano un sacco di umidità ambientale.

Pensi che da quando hai cambiato finestre è iniziata la muffa?

Le hai cambiate per isolare e se le hanno montate bene stanno facendo il loro lavoro.

Il resto della casa sta facendo il suo?

Se i muri non sono altrettanto isolati, se l’aerazione non è corretta o se la cappa in cucina non espelle all’esterno, con le finestre termiche avrai umidità di condensa e muffa in casa.

PER EVITARE LA MUFFA usA sempre LA CAPPA IN CUCINA E ASSICURATI CHE espellA all’esterno!

Se hai pensato: “Io in cucina non ho muffa, è in camera.”

È possibile che ci siano altre cause, serve un sopralluogo, ma ti sveliamo un “segreto”:

L’umidità non si forma dove vedi la muffa.

Quelli sono punti più freddi dove l’umidità condensa.

La casa è un piccolo pianeta, l’umidità si sposta, come le nuvole.

6. Caldaia a condensazione causa umidità di condensa e muffa

I recenti cambiamenti, normative e incentivi vanno in direzione del risparmio energetico.

Le case sono più isolate, spesso con materiali non traspiranti.

Ogni volta che introducono un nuovo “risparmio energetico” aumenta la muffa.

La colpa non è del risparmio energetico, ma degli squilibri termici causati da queste novità.

Un condominio anni 70 ha una coibentazione scarsa, finestre con spifferi e impianto di riscaldamento sovra dimensionato che fa bollire i termosifoni.

Ha però un suo “equilibrio” che tiene caldi i muri.

Quando installano caldaie nuove si abbassano le temperature come richiesto dalla normativa.

Coi nuovi contatori molti abbassano per “spendere meno” mentre prima non ci badavano.

Se i vicini abbassano il riscaldamento diminuisce anche il tuo, perché non ricevi lo stesso calore dai muri comuni.

Risultato: muri più freddi e nelle pareti più esposte possono andare sotto il punto di rugiada.

Prima lo scarso isolamento era compensato dal riscaldamento eccessivo.

Adesso sei “in regola” ma hai i muri gelati.

I difetti strutturali saltano fuori.

Si forma umidità di condensa e muffa sui muri.

Prova ad alzare la temperatura sulle valvole e arieggiare correttamente.

Se non funziona ci vuole un sopralluogo.

Non coprire con cartongesso e polistirene se non vuoi peggiorare la situazione!

La caldaia a condensazione IN CASA causa umidità e muffa. possibile?
  • La vecchia caldaia aspirava aria dall’interno e espelleva all’esterno i fumi.

    Le caldaie a condensazione immettono aria dall’esterno. E causano muffa.
  • Una nuova caldaia a condensazione ha sia lo scarico che immissione all’esterno della casa.
  • La caldaia vecchia era una specie di “aeratore”.

Orqa spendi meno, inquini meno ma hai meno aerazione.

Hai un eccesso di umidità in casa che prima non c’era.

Più la casa è coibentata e le finestre efficienti, più il problema può essere grave.

Prova ad arieggiare più di prima seguendo le istruzioni in questo articolo.

7. Il Natale causa umidità e muffa.

Ripensando a quando è iniziata la muffa ti viene in mente Natale? Quando la casa era piena di ospiti?

Il Natale non c’entra, sono gli ospiti!

In inverno con le finestre chiuse aumentando il numero di persone aumenta il tasso di umidità ambientale.

Una famiglia di 3-4 persone produce circa 12 litri d’acqua al giorno.

Immagina quanta l’umidità con 3 o 4 ospiti a far festa.

Con ospiti in casa devi riscaldare meno e arieggiare di più.

Dopo che la muffa si è formata, se non la elimini subito e a fondo continuerà a crescere.

Gli ospiti se ne vanno ma la muffa rimane.

Richiedi una disinfestazione professionale e il prossimo Natale arieggia di più!


RIASSUNTO 7 CAUSE DI UMIDITÀ E MUFFA

Tenendo la casa pulita, arieggiata, riscaldata in modo uniforme e usando pitture traspiranti puoi evitare umidità di condensa e muffa sui muri.

Se ti è piaciuto l’articolo per favore condividilo e se risolvi il problema faccelo sapere!

A volte ci sono motivi strutturali che causano le muffe in casa.

Spesso dopo aver cambiato finestre, caldaia ecc non è più possibile arieggiare correttamente, specialmente se sei fuori casa.

In tal caso serve una soluzione professionale.

Oppure i muri sono troppo freddi e umidi per riuscire a scaldarli a sufficienza.

Si potrebbe intervenire con un cappotto naturale traspirante antimuffa.

O risolvere la causa dei muri umidi.

Ogni casa ha la sua soluzione.

La prima cosa da fare è trovare la vera causa di umidità in casa tua.

La tua casa è infestata da muffe che continuano a tornare?

Richiedi un sopralluogo o una disinfestazione con sopralluogo incluso.

 

PRIVACY: Utilizziamo i tuoi dati solo per poterti rispondere e inviare le nostre proposte. Puoi far cancellare, modificare o cambiare i tuoi dati in qualsiasi momento semplicemente contattandoci. Non daremo i tuoi dati a call center o altre ditte.

Muffa in Bagno Come si Forma Cosa Fare e Cosa Non Fare

muffa in bagno
Molte persone credono che sia normale avere muffa nel bagno. Tolleri la muffa proprio nel locale in cui sei meno protetto dai vestiti?

La muffa in bagno è così diffusa che alcune persone la credono una cosa normale.

Ci chiamano solo quando hanno muffa in camera da letto o in tutta la casa.

Alcuni dicono: “beh in bagno ci sta, quella che vorrei eliminare è in camera da letto.”

Ma chi ha detto che è normale avere la muffa proprio in bagno?

Perché tolleri la muffa in bagno?

Se ci pensi il bagno è il luogo dove siamo spesso nudi, quindi più indifesi verso le muffe che si sa, non fanno bene alla salute.

Perché devi pensare che sia normale avere muffa nera sulla testa mentre ti lavi i denti o fai la doccia non è molto chiaro.

Usiamo lo spazzolino e il dentifricio antibatterico e il bagnoschiuma a PH naturale e poi…

Speriamo di farti cambiare punto di vista con questo articolo sulla muffa nel bagno.

Cosa causa la muffa in bagno?

Abbiamo visto in altri articoli che per formare la muffa è necessaria dell’acqua che “annaffia” le spore di muffa invisibili che si depositano sui muri e oggetti.

Eliminare tutte le spore della muffa dalle case sarebbe un’impresa impossibile.

Però è possibile non “dar da bere” alle spore e quindi non farle diventare muffa.

Le muffe se non hanno acqua (e cibo) non possono vivere.

Il modo più frequente per cui si forma acqua sulle murature che dà vita alle muffe è sotto forma di umidità di condensa.

Ci possono essere infiltrazioni o tubi rotti ma l’umidità di condensa è la causa principale.

L’umidità di condensa al contrario di quello che molti pensano, è umidità che viene prodotta in casa dai suoi abitanti.

Abbiamo già descritto come solo dormendo senza muoversi, un corpo umano emette tre bicchieri d’acqua e un bucato steso ne produce 3-5 kg.

Quando l’aria calda e umida incontra una superficie sufficientemente fredda il vapore contenuto si condensa.

Come in estate quando apri il frigo e la bottiglia o lattina si bagna di goccioline.

Quando vedi condensa o muffa in bagno o in camera pensi “lì c’è molta umidità”?

Non è vero.

Sarebbe come dire che c’è umidità nel frigo o nella lattina.

Lì c’è solo un punto più freddo. L’umidità era nell’aria. Potrebbe essersi formata in cucina.

Se il muro è abbastanza freddo si forma la condensa.

Ma se l’umidità ambientale è eccessiva non servono temperature troppo basse per avre la condensa.

I punti più freddi sono di solito in alto, negli angoli a contatto con la soletta o una trave.

L’aria calda e umida in bagno ovviamente si forma più che in altre stanze, ad esempio dopo una doccia calda; se va sbattere contro il muro abbastanza freddo, condensa.

COSE DA NON FARE SE NON VUOI MUFFA IN BAGNO

Alcune situazioni aumentano o favoriscono la formazione di condensa e quindi la formazione di muffa in bagno. Vediamole.

1) Usare una pittura lavabile
2) Mura rifinite a gesso
3) Pitture contenenti sostanze organiche (tipo luccichini e cose fancy o con alto VOC)
4) Doccia o vapore che colpisce il muro
5) Muro troppo freddo

E ABITUDINI E COMPORTAMENTI CHE FAVORISCONO LA MUFFA IN BAGNO:
  1. Non riscaldare il bagno.
  2. Con bagno freddo far scorrere a lungo la doccia calda per “riscaldare l’aria
  3. Non arieggiare, specialmente se si è prodotto molto vapore.
  4. Uscire di casa lasciando la casa buia e fredda e il bagno pieno di vapore.
  5. Lasciare la casa fredda tutto il giorno, al rientro alzare il riscaldamento o accendere stufa ad alta temperatura. (shock termico)

Perché i punti sopra favoriscono o causano la formazione di muffa in bagno?

La pittura lavabile non va mai usata in bagno o nelle stanze potenzialmente umide, anche se c’è scritto traspirante antimuffa. La pittura lavabile non può essere traspirante.

Si dovrebbe dedicare la stessa cura alla ricerca della corretta pittura per il bagno che delle altre stanze.
Molte persone invece per il bagno danno un colore scelto “a caso”.

  • Le pitture non traspiranti creano una superficie su cui si formano più facilmente le goccioline di condensa.
  • La pittura in bagno va rinfrescata spesso. È sottoposta all’attacco dell‘umidità e ad un maggior deposito di sostanze organiche sulla superficie del muro/pittura.
  • Le sostanze organiche, pellicine, caccoline, batteri fecali ecc. prodotte in bagno si depositano sulle pareti e formano un “film” invisibile di cui le muffe sono ghiotte.
  • Come tutti gli esseri viventi le muffe hanno bisogno di acqua e di cibo.
    Il loro cibo sono i microorganismi più piccoli come i batteri e la cellulosa (ecco perché diciamo che il cartongesso è proibito!)
  • I muri di gesso trattengono l’umidità e non sono traspiranti. Il che favorisce la condensa e la persistenza di umidità sul muro.
  • Le pitture contenenti sostanze organiche volatili (VOC) non solo sono poco ecologiche ma come ormai avrai capito sono cibo per le muffe.
  • Doccia o vapore che colpiscono il muro non vanno bene. Usa piastrelle o materiali impermeabili o cambia la direzione del getto.
  • Su non riscaldare il bagno: più il bagno è freddo più l’aria, le murature e gli angoli in alto saranno freddi. Aprendo l’acqua calda si crea vapore e non arieggiando l’umidità si condenserà in quei punti più freddi.
  • Anche usare la doccia come “riscaldamento” significa creare molto vapore che poi se non viene eliminato condenserà sul muro. E per fortuna che lo specchio che si appanna e un po’ ne condensa lui e non il muro.
L’ABITUDINE PEGGIORE CHE CAUSA muffa in bagno (O IN CASA.)

Una delle abitudini peggiori che causano muffa è lasciare la casa fredda per molte ore o giorni per poi accendere “a manetta” quando si rientra.

Questo crea uno shock termico.

Se hai un riscaldamento puntuale come la mitica stufa a pellet in salotto, la cosa è ancora più grave, perché si creano zone caldissime e altre più fredde dove l’umidità condensa.

Le stufe a pellet o a legna andrebbero in un locale caldaia dedicato, mai in salotto.

Una di queste zone più fredde è ovviamente il bagno che ha sempre la porta chiusa.

Un’altra abitudine è quella di non usare la cappa aspirante quando cucini o di averne una che non espelle all’esterno.

La terza abitudine al top nella produzione di umidità e muffa è ovviamente stendere i panni e stirare senza arieggiare o senza usare un deumidificatore.

Altre cause di muffa di cui nessuno parla.

Una cosa di cui raramente si parla in relazione alle muffe è la pulizia. L’igiene.

  • Lasciare sporco in casa o cibo sulla tavola quando si esce.
  • Vestiti umidi o bagnati che restano giorni nella cesta in bagno o in giro.
  • Borsa sportiva con i vestiti umidi o sporchi fango in giro ecc.
  • Scarpe umide, bagnate o con fango in casa.
  • Animali e umani che portano in casa terra o sporco.

Queste cose introducono una grande quantità di spore di muffe, di batteri e di umidità.

L’altra ragione è il numero di persone che abitano la casa.

Ci è capitato di fare un sopralluogo per scoprire la causa della muffa e abbiamo trovato 8 personeche  abitavano in un piccolo appartamento.

Ovviamente c’erano umidità e batteri in eccesso, le muffe perfino sulle mensole.

Ma non c’è bisogno di arrivare a questi eccessi.

È sufficiente che ospiti 3 parenti per una settimana in inverno per le feste e possono esplodere le muffe in casa nel giro di un giorno.

Più sono le persone presenti e più devi tenere pulito e arieggiare.

Con i moderni infissi non c’è ricambio d’aria e l’umidità si accumula.

Se non si riesce ad arieggiare la casa serve un aerazione meccanica controllata.

Cominci a pensare che non è poi “naturale” avere muffa in bagno?

O che potesti avere un bagno più igienico, senza quella orribile muffa che ti guarda quando fai la doccia?

Hai ragione.

Non c’è alcun valido motivo per avere muffa in bagno, anzi il contrario.

COSE DA FARE PER NON AVERE MUFFA IN BAGNO

Sono più o meno il contrario di quelle da non fare, vediamole.

  1. Usa pitture traspiranti, possibilmente idropittura anti-muffa di alta qualità, non risparmiare sul bagno che poi si riempie di muffa!
    Grassello di calce naturale. Pitture ai silicati o cocciopesto che è impermeabile all’acqua e può sostituire le piastrelle.
  2. Il bagno dovrebbe avere una finitura di stabilitura non di gesso.
  3. Assicurati che non ci siano infiltrazioni e perdite e che il getto della doccia non schizzi sul muro.
    Se è impossibile cambiarlo usa un rivestimento impermeabile all’acqua come piastrelle o il cocciopesto.
  4. Non usare cartongesso, se devi controsoffittare, rivestire o dividere con lastre usa lastre di fibrocemento resistenti all’acqua.

Comportamenti corretti per evitare la muffa in bagno e in casa.

1) Tieni il bagno riscaldato. Se non è possibile accendi una stufetta da bagno pochi minuti prima di fare la doccia o vapore.
2) Arieggia sempre quando fai la doccia o crei vapore in bagno.
NOTA: Arieggiare non significa lasciare aperta la finestra aperta mezz’ora o il basculante per tutto il giorno. Questo raffredda ancora di più il muro.
Arieggiare significa spalancare bene solo per pochi minuti poi richiudere.
Ripeti l’operazione più volte al giorno.
3) Non creare shock termici in casa. Cerca di creare una temperatura media durante il giorno e tra le stanze.
Anche se la casa rimane vuota non deve rimanere gelata o con finestre aperte.
4) Quando crei più umidità in cucina ecc, arieggia sempre. Le camere da letto e il bagno s

aeratore-da-parete-siegenia
Aeratore da parete con recupero del calore Aerotube siegenia.

ono più freddi delle zone giorno. L’umidità condensa proprio lì e si forma la muffa.
5) Installa un aeratore in bagno. Specialmente se hai poco tempo di arieggiare è vitale per evitare la muffa in bagno. Può essere necessario un aeratore anche nei locali giorno.

 

Ci sono aeratori con sensore per umidità che si avviano da soli appena il tasso di umidità diventa pericoloso.

Se dopo tutti questi consigli si forma ancora muffa in bagno?

Se hai una seria infestazione di muffa in casa o se si riforma continuamente contattaci.

Serve una disinfestazione professionale della muffa e bisogna scoprire la causa.

Potrebbe essere un’infiltrazione o più probabilmente un ponte termico grave. O mancanza di aerazione. Per scoprirlo si devono usare strumenti non è che ognuno dice la sua.

Ponte termico significa che hai un angolo o parete meno isolata o non abbastanza isolata e che fa da “ponte” con l’esterno. Quindi “tira dentro” freddo.

  • Non basta solo il ponte termico perché si formi la muffa.
  • A volte ci sono ponti termici e non si forma muffa per anni.
  • Poi arriva e non se ne va più.
    muffa in bagno ponte termico
    Muffa in bagno prima del trattamento, Il soffitto ha un severo ponte termico.

    muffa in bagno dopo trattamento
    Stesso bagno dopo trattamento. A distanza di 3 anni non è tornata alcuna muffa.
Qualsiasi sia la causa DELLA MUFFA esiste La soluzione.
  • Se hai una infestazione seria la prima cosa da fare è una disinfestazione completa. Che non si fa con una spugna e la candeggina o lo spray del supermercato.
  • Poi bisogna trovare la causa in modo che non si riformi.
  • Il fai da te spesso è pericoloso e peggiora la situazione. Molte persone cercando di pulire la muffa con candeggina infestano tutta la casa.

Contattaci per una disinfestazione professionale delle muffe o per un sopralluogo o diagnosi per una soluzione definitiva.


 

C’è un’alternativa al vespaio nelle ristrutturazioni con umidità?

alternativa al vespaio cocciopesto pavimento

Durante una ristrutturazione sembra impossibile evitare un vespaio ad igloo. La leggenda infatti dice che sia necessario per risolvere l'umidità di risalita e altri problemi. Un vespaio è molto di moda ma l'efficacia è molto dubbia. Soprattutto nei restauri di case con muri umidi il vespaio aerato non servedato che non isola le murature. A volte peggiora la situazione. Leggi questo articolo per scoprire perché e soprattutto per trovare qualche valida alternativa al vespaio.

Continua

Antimuffa Naturale – Eliminare la Muffa Fai da Te

Articolo sui rimedi antimuffa naturali e i fai da te per eliminare la muffa. Purtroppo quasi sempre si tratta solo di intrugli inutili che non sono migliori dei prodotti "chimici" e di solito non funzionano. Non disinfestano la muffa e non risolvono la causa per cui si forma. Il risultato è che la muffa ritorna sempre e spesso aumenta. Scopri perché e quali sono i veri antimuffa naturali, le soluzioni che funzionano e che eliminano il problema per sempre.

Continua

Valvole Termostatiche Causano Muffa in Casa?

muffa-finestra

Molte persone lamentano di avere muffe in casa dopo aver installato le valvole termostatiche sui termosifoni e contatori di consumo. Altri dopo aver cambiato la caldaia. Che cambiare gli infissi con quelli "moderni" causa umidità di condensa e muffa ormai lo sanno tutti, ma è possibile che anche le valvole termostatiche causino umidità e muffa? E se sì perché? Scoprilo con questo articolo.

Continua

Deumidificazione Veloce dei Muri con Microonde

microonde spettro e deumidificazione

Il metodo più veloce di prosciugare o deumidificare un muro bagnato o umido è la deumidificazione con le microonde. Non danneggia materiali edili e agisce solo sull'umidità all'interno del muro e di qualsiasi tipo. Infiltrazioni, allagamenti, umidità di risalita. Leggi l'articolo per informazioni.

Continua

Ministero della Salute su Umidità e Muffe

ministero-salute-umidità-e-muffe

Il Ministero della Salute ha pubblicato un opuscolo su Umidità e Muffe. Non è così completo come le direttive del Ministero Svizzero su cui abbiamo già scritto. Contiene i fondamenti delle cause e delle soluzioni corrette per eliminare umidità e muffe dalle case in base alle direttive del OMS e Europa.

Continua