Pulire la muffa da scarpe e vestiti è possibile o è meglio gettarli?

La muffa purtroppo non si forma solo sui muri, può aggredire vestiti, scarpe, libri e oggetti.

Che abbia infestato solo un paio di scarpe, un libro, un’intera biblioteca o guardaroba, la muffa è sempre pericolosa e va rimossa.

Se agisci in fretta puoi salvare gli oggetti contaminati senza gettarli.

Perché la muffa cresce su scarpe, libri ecc.?

La muffa può crescere su oggetti di materiale organico come carta, cuoio, tessuti e vestiti, se sono conservati in luoghi umidi.

Si può formare muffa anche su vestiti non asciutti dopo il lavaggio.

Articoli tipo cotone, lana, cuoio e carta sono di origine vegetale o animale e quindi fonte di cibo per le muffe, come trattato in precedenti articoli.

Ricordiamo che la muffa è un tipo di fungo, per crescere ha bisogno di umidità (acqua), un terreno su cui vivere e cibo.

È importante comprendere che le spore della muffa sono ovunque e non possono essere eliminate.

Fanno parte di quella che chiamiamo “polvere”.

Il “terreno e il cibo adatti” non fanno crescere nessuna muffa. Ci sono muffe che possono crescere anche senza cibo per anni.

La condizione indispensabile per la formazione di muffa è solo la presenza di alta umidità ambientale.

La muffa sulle scarpe e oggetti in cuoio

La crescita della muffa sulle scarpe è un fenomeno molto comune negli ambienti umidi.

Le scarpe vanno a contatto con terreno, erba, foglie ecc e quindi accumulano facilmente spore invisibili della muffa.

Spesso le lasciamo in ripostigli o scantinati che sono i luoghi più umidi e meno ventilati della casa.

A volte anche senza pulirle o asciugarle prima di riporle.

Se lasci vestiti, borse e scarpe di cuoio in un luogo buio e umido è molto probabile che vi si formi la muffa.

La muffa sul cuoio inizialmente appare biancastra a macchioline per poi diventare verde o bluastra.

Può formarsi muffa sia all’interno che all’esterno delle scarpe ecc.

La muffa va rimossa prima possibile perché col tempo danneggia permanente le superfici di cuoio.

La muffa sui libri e carta

Se l’umidità non è mantenuta sotto il 60%, la carta si inumidisce e si può formare muffa sulla superficie.

In una biblioteca o locale dove sono archiviati libri o materiale cartaceo l’umidità deve essere inferiore al 60%

Inoltre ci dovrebbe essere una discreta aerazione.

Situazioni prolungate di umidità portano sempre alla formazione di muffa sui libri e materiale cartaceo.

Si dovrebbe spolverare regolarmente dato che le spore della muffa fanno parte del “puliviscolo atmosferico” o polvere.

La muffa porta alla rottura della carta o alla formazione di macchie sulle pagine.

Attenzione a non confondere lo sporco o altre macchie con la muffa.

pulire-la-muffa-dai-libri
Attenzione a non confondere lo sporco sui libri con la muffa.

Le muffe che danneggiano la carta sono spesso dannose per l’uomo.

Le muffe che crescono sui libri vanno sempre pulite, includono Aspergillus, Penicillium, Claudisporium, e Stachyobotris, Tricodherma e Chaetomium.

Alcune di queste possono produrre micotossine velenose per l’uomo. Inoltre emettono un enzima che distrugge la carta.

Come pulire la muffa se ha contaminato scarpe, vestiti, libri e oggetti

Valuta l’entità dell’infestazione e la quantità dei materiali da pulire.

Se devi salvare un paio di scarpe non è come un magazzino pieno di muffa. Un solo libro non è come trattare una bilioteca.

In ogni caso fai attenzione a non spargere le spore della muffa e contaminare il resto della casa o dei vestiti ecc.

Per d’infestazioni più grandi di un metro quadro è meglio isolare la zona costruendo una protezione in plastica, legno ecc.

Isolare la zona serve a impedire che le spore della muffa contaminino le stanze vicine causando un disastro.

barriera-protettiva-pulire-muffa-
La zona contaminata viene isolata dal resto della casa.

Spesso dove c’era un po’ di muffa, hanno cercato di rimuoverla con candeggina e l’infestazione si è sparsa in tutta la casa.

Se si tratta di infestazioni estese di muffa contatta una ditta competente.

Precauzioni da prendere quando si trattano materiali contaminati e si vuole pulire la muffa

  1. Proteggiti sempre con guanti e mascherina.
  2. Circoscrivi la zona se la contaminazione è elevata.
  3. Usa occhiali protettivi quando spruzzi materiali detergenti o spazzoli.
  4. Munisciti di spugne, vecchi spazzolini da denti e di un aspirapolvere con filtro HEPA. (anti particolato)
  5. Indossa una tuta usa e getta.
  6. Spegni riscaldatori, aeratori, ventilatori, deumidificatori e condizionatori e coprili.
  7. Dopo aver finito e pulito getta o lava tutti gli attrezzi e protezioni.

Come pulire la muffa dalle scarpe.

Se si tratta di una quantità modesta di muffa e il cuoio è ancora integro le puoi salvare.

Per muffa “modesta” intendiamo che non è molto spessa, non è lì da mesi e non ha iniziato a “mangiare” il cuoio.

Proteggiti adeguatamente come descritto sopra.

  • Per prima cosa metti le scarpe in un sacchetto chiuso e portale all’aperto, anche se è inverno. Ideale un terrazzo al sole. Il sole uccide le muffe e i muschi. È il miglior disinfestante naturale.
  • Nel frattempo pulisci a fondo il ripostiglio o la scarpiera usando un buon detergente. Non serve la candeggina. La muffa si toglie col sapone. Poi disinfetta con alcool, amuchina o battericidi.
  • Stendi le scarpe all’aria e al sole e lasciale semplicemente lì. Fai in modo che non si bagnino assolutamente. (Se non puoi portarle all’aperto usa la tecnica descritta per i libri.)
  • Non importa se è inverno. L’importante è che non prendano pioggia ma sole, aria e luce.
  • Dopo uno o più giorni al sole e all’aria le muffe saranno morte naturalmente e sembreranno polvere secca.
  • Copriti con mascherina e indossa guanti. Pulisci la polvere e le muffe secche con una spugna secca, o uno spazzolino per i punti più difficili.
  • Puoi usare anche l’aspirapolvere con HEPA. Ricordando poi di pulire filtro ed esterno.
  • Dopo aver pulito bene le muffe dentro e fuori (togli la tomaia delle scarpe e pulisci sotto e dentro) puoi passarle con un prodotto detergente naturale o con un preventivo muffa tipo Naturalia Bau o sali di boro. Spruzzalo sulla spugna più che direttamente sulla scarpa.
  • Aspetta che si asciughino bene prima di riportarle dentro. Puoi anche lucidarle coi prodotti per le scarpe.
  • Le scarpe di cotone o da tennis ecc le puoi mettere direttamente in lavatrice che risolverà il problema muffa. Non serve altro.
  • I vestiti sporchi di muffa, se non sono logorati nelle fibre, li puoi semplicemente lavare in lavatrice. La temperatura i detergenti e il lavaggio faranno sparire ogni traccia di muffa e le spore senza problemi.

Non si usa la candeggina per pulire la muffa?

La candeggina non si deve usare mai per pulire la muffa.

È una tradizione che parte dai tempi delle bis-nonne in cui non c’erano molti detergenti o disinfettanti. Avevano una versione molto concentrata detta “varechina” che bucava anche le mani oltre che la muffa.

La candeggina attualmente in commercio è una soluzione molto acquosa e a volte anche profumata.

La muffa adora l’acqua. Questo ti dice qualcosa?

Quello che di solito succede usando la candeggina è che apparentemente la muffa è tolta dal muro o oggetto ammuffito ma spesso è solo sbiancata. La candeggina non uccide tutte le muffe.

Il cloro della candeggina evapora emettendo il suo orrendo odore, che ti fa sentire Terminator della muffa, l’acqua penetra nell’intonaco e lo bagna.

E rimane umidiccio. Ideale per la muffa.

La muffa durante il trattamento sopravvive perché non riesci ad andare a fondo o sopravvivono le spore, infatti quando tocchi la muffa volano in aria miliardi di spore che e poi si riposano sul muro.

Insomma avrai capito che acqua e umidità sono la cosa più importante per la crescita della muffa e la candeggina non è la soluzione.

Hai letto che il bicarbonato serve a pulire la muffa dalle scarpe e togliere la muffa dai muri?

Che il bicarbonato sia un disinfettante è un’altra leggenda metropolitana.
Il bicarbonato viene usato per pulire perché è leggermente abrasivo.
È anche un po’ “sbiancante.”

I siti di “rimedi naturali”, “green” o “consigli per la casa” si copia incollano a vicenda e dicono stupidaggini tipo che che il bicarbonato, da solo o assieme ad altri componenti è il miracoloso “rimedio della nonna.”

Il bicarbonato non disinfetta e non è nemmeno antibiotico. Non è un biocida né un antimuffa.

Non lo scrivono nemmeno sulla scatola in cui lo vendono dove ci sono tutti gli usi più disparati.

Non usare il bicarbonato per pulire la muffa da scarpe, muri, libri ecc.

COME PULIRE LIBRI AMMUFFITI O LA MUFFA SULLA CARTA

Se si tratta di un’intera stanza o biblioteca la prima cosa da fare è isolarla per evitare che le spore si spargano e contaminino altri ambienti.

Proteggiti come sempre con guanti, tuta usa e getta ecc.

  • Usa un aspirapolvere con filtro antiparticolato HEPA e aspira tutti i libri incluso il retro e i dorsi ecc.
  • Tratta le muffe più resistenti con uno spazzolino da denti morbido.
  • Alla fine getta tutto, protezioni di plastica, tuta ecc e pulisci l’esterno e il filtro dell’aspirapolvere.
  • Lava e disinfetta tutta la libreria con detergente e acqua e con alcool.

Nota: Biblioteche di musei e libri antichi vanno trattati da restauratori professionisti.

Per trattare un solo libro o un libro delicato:
  • Metti il libro in una vaschetta di plastica con coperchio e metti sul fondo almeno 5-6 cm di materiale tipo silica gel. Come quello che si usa per le lettiere dei gatti.
  • Lascia il libro chiuso nella scatola per 24-48 ore o come necessario.
    Questo non solo uccide le muffe ma deumidifica le pagine.
  • Aspira la muffa e polvere con un aspirapolvere e poi pulisci e getta tutto come al solito – tranne il libro 🙂
  • Finisci di pulire le muffe con spugnette, spazzolini, carta appena inumidita ecc. facendo attenzione a non danneggiarlo.
  • Mettere un libro una busta di cellophan e in freezer ucciderà le muffe. Se usi questo metodo fai attenzione quando lo togli a evitare condense.

Nota: le opere d’arte vanno trattate solo da restauratori professionisti!

PULIRE LA MUFFA DAI VESTITI

Come già accennato un buon lavaggio in lavatrice a 60° si prenderà cura di tutte le muffe e spore e le ucciderà.

Lavare i vestiti ammuffiti, è un procedimento sicuro. Non servono trattamenti speciali.

Se hai un armadio o contenitore pieno di vestiti ammuffiti mettili tutti in un sacchetto di plastica e chiudili bene prima di portarli dove hai la  lavatrice.

Metti tutto in lavatrice, getta il sacchetto e pulisci l’armadio e qualsiasi altra zona contaminata usando acqua e detergente e alcool.

Prodotti per pulire la muffa

Quello “che nessuno ti dice” è che la cosa migliore per pulire la muffa dagli oggetti è semplicemente lavarla.

E quindi la cosa migliore è usare acqua con un detergente.

Sulle murature si devono usare biocidi o detergenti speciali, non ammonica, candeggina e “rimedi naturali” che trovi su internet.

In commercio puoi trovare anche prodotti naturali per pulire la muffa o prevenirla come il Muffaway Naturalia Bau, che puoi spruzzare anche sui mobili di legno e scarpe senza danneggiarli.

Puoi usare una soluzione di sali di Boro. Il Borace uno dei più antichi e funzionali detergenti. Anche l’aceto va bene per oggetti. Anche acqua aceto e un po’ di detersivo per piatti…

prevenire-la-muffa
Per prevenire la muffa si deve evitare umidità e tenere pulito

PREVENIRE PER EVITARE DI PULIRE LA MUFFA

Dopo aver eliminato la muffa da libri, vestiti o pareti la cosa non finisce lì. Si deve eliminare la causa della muffa così che non continui a formarsi.

Leggi i nostri precedenti articoli su come evitare o risolvere  le muffe.

Alcuni consigli per evitare la muffa e non doverla pulire:

Evitare muffa sui vestiti

  • Non riporre i vestiti ancora umidi nell’armadio
  • Mai appoggiare l’armadio dei vestiti contro una parete fredda
  • Arieggia l’armadio e la stanza regolarmente aprendo bene le finestre per pochi minuti più volte al giorno e poi richiudile
  • Mantieni una temperatura di circa 18-20° nella stanza da letto o dpve c’è l’armadio e non troppo diversa da quelle delle altre zone della casa
  • Non riporre vestiti o oggetti che siano sporchi di terra in armadi o ripostigli poco areati o umidi.
  • Se hai un armadio nello scantinato per il “cambio stagione” in estate non lasciare le finestre aperte nelle ore più calde o si formerà umidità
  • Nelle giornate molto umide di mezza stagione niente può sostituire un deumidificatore elettrico per mantenere l’umidità sotto il 60%
  • Esistono aeratori e piccoli deumidificatori specifici per cabine armadio o luoghi piccoli e freddi
  • Non lasciare biancheria umida, sporca, sudata dentro a ceste, borsoni o stanze non arieggiate.
  • Attenzione alle divise e scarpe sportive sporche di fango ecc. 
  • Se la tua casa è umida o i muri umidi richiedi sopralluogo

Evitare muffa sui libri

  • Prima di introdurre un libro vecchio, sporco o ammuffito in libreria o ripostiglio puliscilo per evitare di contaminare gli altri
  • Mantieni il luogo aerato e con umidità media inferiore al 60%
  • Non mettere nello stesso luogo cose umide, biancheria umida ecc.
  • Tieni la libreria e il locale regolarmente spolverato. Le spore della muffa sono parte del “pulviscolo”.
  • Non mettere libri in stanze o scantinati umidi e non areati
  • Esistono deumidificatori e aeratori adatti per stanze fredde umide.
  • Se i muri o la casa sono sempre umidi richiedi sopralluogo.

Leggi anche altri articoli su disinfestare o evitare la muffa:

Eliminare muffa con le microonde

Disinfestazione Professionale Muffe

Come distinguere la muffa dallo sporco, muffa da risalita e altri fenomeni

PROBLEMI DI MUFFA?

Richiedi subito consulenza, diagnostica o preventivo per pulire la muffa e scoprire le cause in modo che non si riformi.

COMPILA IL MODULO TI RISPONDEREMO ENTRO 24 ORE

NOTA: Rispettiamo la tua privacy. Non daremo il tuo contatto a call center o altre ditte. Lo useremo solo per soddisfare le tue richieste e mandarti le nostre soluzioni. Potrai modificare o cancellare i dati in qualsiasi momento semplicemente richiedendolo. Vedi Privacy Policy.

Commenta